DICHIARAZIONI SCRITTE

Portabilità transfrontaliera dei servizi di contenuti online nel mercato interno

18-05-2017

Ringrazio il collega Cavada per il prezioso effettuato in questi mesi presso la commissione Juri. Ho voluto sostenere le proposte legislative della Commissione nell’impostazione rivista dalla commissione affari giuridici, trovo che finalmente si dia una svolta alle possibilità di un utilizzo più moderno e aperto dei contenuti digitali, garantendo agli utenti la portabilità e l’accesso ma rispettando anche il giusto principio della remunerazione e del rispetto del diritto d’autore. Un passo avanti importante che potrà aprire la strada alle modifiche ancora attese negli altri dossier del diritto d’autore.

Trasporto stradale nell’Unione europea

18-05-2017

Alla vigilia della presentazione del Mobility Package da parte della Commissione, questa risoluzione apporta considerevoli passi avanti rispetto ai temi della sicurezza e della protezione sociale dei lavoratori, priorità del Gruppo S6D, non dimenticando però anche una forte azione su mercato interno. Un buon equilibrio che ho voluto supportare con il mio voto

Piano d’azione dell’UE per l’eGovernment 2016-2020

16-05-2017

Ringrazio la collega Verheyen per il lavoro effettuato presso la commissione ITRE sull’importante dossier della strategia eGovernment. La modernizzazione del mercato interno è uno degli impegni fondamentali di questa legislatura europea ed è un obiettivo da conseguire in primo luogo attraverso una digitalizzazione completa delle amministrazioni pubbliche, che vanno rese così più aperte e vicine ai cittadini. Le pratiche di eGovernment hanno mostrato un’efficacia diretta nella riduzione dei carichi burocratici e per una migliore efficienza delle amministrazioni.
Tra i punti nodali per lo sviluppo dell’eGovernment va assolutamente incoraggiata con favore l’introduzione di nuove e più semplici modalità di azione per le imprese, che sarà un tema di grande attualità a breve, in virtù dell’avanzamento del dossier della riforma delle fusioni e divisioni transfrontaliere. Su questo punto in particolare mi impegno a portare avanti un lavoro di innovazione coerente con lo spirito della relazione che abbiamo votato, al servizio dei cittadini, delle imprese, dei lavoratori.

Relazione annuale 2015 sulla tutela degli interessi finanziari dell’UE – Lotta contro la frode

16-05-2017

Come ogni anno è molto importante il lavoro di analisi e monitoraggio che la commissione per il controllo dei bilanci effettua sulla lotta alle frodi all’interno dell’Unione europea.
Condivido in primo luogo alcune impostazioni di metodo della relazione appena approvata: gli Stati membri sono responsabili di circa l’80 % del bilancio dell’Unione europea, concordo pertanto che la Commissione debba aiutare gli Stati membri a sviluppare le proprie strategie nazionali antifrode, a metterle in rete, a coordinarle attraverso best practices da condividere.
Un altro punto poi mi pare essenziale: non tutte le irregolarità sono fraudolente, occorre quindi una chiara distinzione tra errori e frodi, anche per tutelare il lavoro onesto di tante organizzazioni che proprio grazie ai fondi comunitari portano un indiscutibile valore aggiunto per i nostri territori e per le nostre comunità.

Efficienza sotto il profilo delle risorse: ridurre lo spreco alimentare, migliorare la sicurezza alimentare

16-05-2017

88 milioni di tonnellate di cibo l’anno in Europa finiscono nella spazzatura e lo spreco alimentare mondiale vale 940 miliardi di dollari l’anno.
Contemporaneamente, nel mondo, si registra come una persona su nove sia sottonutrita e i dati evidenziano che la malnutrizione è corresponsabile del 45% di morti infantili sotto i 5 anni.
E’ un parallelo intollerabile. Socialmente, eticamente, politicamente ed economicamente inammissibile.
E’ per questo che sostenere ogni iniziativa politica in nostro potere che promuova azioni di responsabilizzazione e coscienza rispetto all’approccio al cibo è un’urgenza e una priorità per l’Unione. Ringrazio pertanto la collega Biljana Borzan per l’ottimo lavoro svolto, cui confermo il mio pieno sostegno

Corpo europeo di solidarietà

06-04-2017

Mi compiaccio dell’interrogazione orale posta dalla collega Kammerevert sul corpo europeo di solidarietà.
Con questa risoluzione il Parlamento, nel confermare il suo forte impegno nel rispetto e garanzia dei valori sociali, chiede che venga ribadita la necessaria distinzione tra l’impegno nelle attività di volontariato e l’occupazione professionale talvolta gratuita. Proprio seguendo tale principio e pur promuovendo l’iniziativa ESC, concordo nell’importanza di individuare fondi diversi da quelli preesistenti indirizzati al contrasto della disoccupazione giovanile, programmi già attivi e di conclamato successo.

Come far fronte ai movimenti di rifugiati e migranti: ruolo dell’azione esterna dell’UE

05-04-2017

La relazione dei colleghi Valenciano e Consuegra, ci chiama ad approfondire la riflessione sull’imponente ondata dei flussi migratori invitandoci ad osservarla non solo come ingente sfida per l’Unione, economica, sociale, umana, ma al contrario a considerarla anche un’opportunità per un’ulteriore passo in avanti dell’Europa verso l’integrazione, il consolidamento dei valori di solidarietà, condivisione e inclusione sociale.
E’ nell’anima della natura europea la vocazione all’accoglienza e alla tutela dei diritti della persona, e non possiamo oggi permettere che questi valori, parte del DNA Ue, siano sottovalutati.

Omologazione e vigilanza del mercato dei veicoli a motore e dei loro rimorchi, nonché dei sistemi, componenti ed entità tecniche destinati a tali veicoli

04-04-2017

Mi compiaccio di questa proposta di revisione della direttiva 2007/46/CE, sull’omologazione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi.
Un riesame doveroso, reso ancor più urgente dallo scandalo Dieselgate del 2015: un’occasione per l’Unione per intervenire con una proposta di normative più severe di sorveglianza e controllo sull’industria automobilistica, capace di recuperare la fiducia dei consumatori e che si traduca in un impegno netto dell’Europa a garanzia della salute dei cittadini.

Progetto di raccomandazione a seguito dell’inchiesta sulla misurazione delle emissioni nel settore automobilistico (B8-0177/2017)

04-04-2017

Lo scandalo Dieselgate ha evidenziato un’ingiustificabile superficialità riguardo il monitoraggio e le verifiche delle emissioni nel settore automobilistico.
Anteponendo gli interessi del business e delle case automobilistiche a quelli della salute dei cittadini e dell’ambiente, gli Stati membri hanno purtroppo dato prova di un’inammissibile e gravissima superficialità.
Non solo i diritti dei consumatori devono immediatamente tornare al primo posto, qualunque sia il mercato di riferimento, ma soprattutto nostro primo compito e responsabilità come Parlamentari, socialisti, ed europei è ricorrere a tutti gli strumenti a nostra disposizione per impegnarci a garantire il benessere pubblico.
Colgo pertanto l’occasione di ringraziare i colleghi che dal dicembre 2015 hanno lavorato con assiduità e responsabilità alla commissione d’inchiesta sulla misurazione delle emissioni, il cui progetto di raccomandazione ha puntato a rafforzare gli strumenti di monitoraggio e controllo, promuovendo un nuovo regolamento delle omologazioni con norme più stringenti e sicure per la salute dei cittadini.

Lotta contro il terrorismo

16-02-2017

Gli attacchi subiti e i continui allarmi in arrivo da più parti d’Europa e da paesi terzi non fanno che sollecitare l’urgenza di incrementare le misure sulla sicurezza di cui l’Ue dispone.
La proposta di direttiva sul contrasto al terrorismo, che ho sostenuto convintamente, bene rappresenta l’esigenza di aggiornare il quadro giuridico europeo in materia, identificando con chiarezza norme minime e certe volte a favorire azioni mirate e preventive contro la grave minaccia.
Purtroppo, la convergenza tra attività criminali e quelle terroristiche è in continua crescita e il fenomeno contribuisce a complicare le azioni di controllo e di intelligence. Per questo, con questo voto, ribadiamo l’impellenza di una legislazione penale certa e precisa a supporto della lotta alla criminalità organizzata e al terrorismo

Rafforzamento delle verifiche nelle banche dati pertinenti alle frontiere esterne

16-02-2017 

L’esigenza di promuovere ogni strumento che possa rivelarsi utile a rafforzare gli strumenti per la sicurezza europea mi ha convinto a sostenere la proposta “Sul rafforzamento delle verifiche nelle banche dati pertinenti alle frontiere esterne”. L’inserimento dell’obbligo di verifica di efficacia del provvedimento entro i due anni dalla sua attuazione, ha fatto sì che superassi le mie perplessità rispetto ai potenziali disagi che un cambiamento simile nelle operazioni di controllo potrebbe scatenare. E’ pertanto un voto di sostegno con riserva il mio, se così si può dire, con l’auspicio che i vantaggi in termine di maggior sicurezza che ne ricaveremo possano superare i disagi che potrebbero presentarsi

Norme di diritto civile sulla robotica

16-02-2017 

La collega Delvaux, per conto della commissione Juri e dopo un mungo lavoro di preparazione in un gruppo di lavoro ad hoc, ha svolto un esercizio davvero importante e utile con la redazione di questo rapporto. Evolvere e adattare il diritto ai progressi tecnologici è un compito fondamentale per noi legislatori europei. Oggi consegnamo alla Commissione un testo molto ambizioso ed attento ad individuare tutte le aree e le sfide che la robotica e l’intelligenza artificiale impongono di regolare in modo certo, nel rispetto della dignità e del valore dell’uomo e del diritto.

Iniziativa europea per il cloud computing

16-02-2017 

Ringrazio il Presidente Buzek per l’importante rapporto redatto per la commissione industria, la sua relazione ha il pregio di esprimersi fermamente per rendere l’Unione europea un centro di ricerca globale, anche attraverso il sostegno diretto all’approccio Open Science e al ruolo che essa può svolgere nella costruzione di un’economia europea della conoscenza, oltre che per stimolare ulteriormente la qualità della ricerca e lo sviluppo.

Controllo del registro e composizione del gruppo di esperti della Commissione

14-02-2017

Il Parlamento ha regolarmente esaminato la questione della composizione e del funzionamento dei gruppi di esperti della Commissione, sollevando negli anni critiche sulla base di una mancanza di trasparenza e denunciandone una composizione squilibrata rispetto alla complessità degli interessi sociali ed economici. Mi compiaccio per l’approvazione della relazione Delvaux, che pone ora in modo più equilibrato il funzionamento dei gruppi di esperti, il cui ruolo è molto utile nella fase di genesi delle norme comunitarie ma che deve necessariamente essere legittimato su un largo controllo democratico. La Commissione ha proposto una rielaborazione di tali norme che come parlamentari abbiamo accolto con favore. Nostra premura sarà ora continuare a verificare che le nuove norme ricevano attenta attuazione.

Ruolo degli informatori nella protezione degli interessi finanziari dell’UE

14-02-2017

Negli ultimi anni è emerso in modo netto il contributo decisivo che alcuni dipendenti hanno avuto nel rivelare tipologie di crimini finanziari da parte di grandi imprese. Basti pensare solo allo scoppio dello scandalo dei Panama Papers: senza le preziosissime informazioni di alcuni coraggiosi e sparuti lavoratori delle imprese e degli studi coinvolti non si avrebbe mai avuto notizia di uno scandalo dalle proporzioni cosi ampie.
Eppure, nonostante la difficoltà oggettiva per tanti dipendenti di rivelare situazioni dall’alto rischio di impatto sulla propria condizione professionale, rimane ancora del tutto scoperta la tutela giuridica per favorire tali delazioni positive e favorire la trasparenza. Con il voto di oggi, che segue molti precedenti pronunciamenti del Parlamento, esprimiamo un forte messaggio a favore di nuove norme organiche per tutelare chi, coraggiosamente e mettendo a rischio la propria occupazione, svolge una funzione di grande rilievo nella lotta contro la corruzione e i crimini finanziari.

Aspetti transfrontalieri delle adozioni

02-02-2017

Ringrazio il collega Zwiefka per l’ottimo lavoro svolto con questa relazione di iniziativa legislativa, che suggerisce in modo puntuale ed ambizioso misure attese da tempo da tante famiglie in Europa. Sono sempre più frequenti infatti, come sanno i colleghi della commissione per le petizioni, le problematiche attinenti alle adozioni in contesti transfrontalieri che sono state portate alla nostra attenzione.
Grazie al testo approvato oggi quest’Aula fissa proposte normative molto dettagliate che speriamo la Commissione possa cogliere nella loro interezza. Vi sono contenute misure molto importanti in particolare in materia di norme comuni per le adozioni, cooperazione giudiziaria, riconoscimento delle sentenze.
Ribadisco quindi il mio voto favorevole e il sostegno ai prossimi passi che il Parlamento vorrà attuare per chiedere una rapida azione normativa alla Commissione.

Crisi dello Stato di diritto nella Repubblica democratica del Congo e in Gabon

02-02-2017

Con il voto della risoluzione sulla situazione in Gabon e nella Repubblica democratica del Congo il Parlamento invia un messaggio autorevole alle parti coinvolte e alle altre istituzioni europee affinché si comprenda il rischio di una portata ancora più ampia, estesa alle aree vicine, delle tensioni in corso.
di una crisi politica nella regione.

Accordo di stabilizzazione e di associazione UE-Kosovo: procedure per la sua applicazione

19-01-2017

La commissione commercio internazionale ci consegna un testo legislativo che ho sostenuto e che permette notevoli passi avanti in merito alle relazioni tra Europa e Kosovo.
Ho votato a favore della proposta di regolamento che contiene importanti norme per l’attuazione delle disposizioni dell’accordo di stabilizzazione e di associazione UE-Kosovo entrato in vigore ad aprile 2016.
È importante continuare a manifestare il nostro sostegno al progressivo avvicinamento all’Europa del Kosovo che ora potrà finalmente intrattenere, come gli altri paesi dei Balcani occidentali, relazioni contrattuali con l’UE, nonché un percorso di stretta cooperazione parlamentare che speriamo possa aiutare il rafforzamento delle istituzioni democratiche del paese.

Logistica nell’UE e trasporto multimodale nei nuovi corridoi TEN-T

19-01-2017

La commissione trasporti ha effettuato un lavoro di grande interesse strategico. Concordo infatti sulla necessità di attribuire con urgenza una valenza prioritaria alla logistica nell’agenda politica.
Il testo che abbiamo votato ha il merito di aprire un dibattito su come definire una futura politica in materia di logistica e trasporto merci, nel quadro delle priorità per l’attuazione della rete TEN-T multimodale e i relativi corridoi. L’obiettivo dovrà essere, come ben fa questo testo, quello di ottenere un trasporto merci multimodale efficiente e sostenibile, in linea con gli obiettivi del Libro bianco sui trasporti del 2011, con particolare riferimento agli obiettivi di decarbonizzazione e trasferimento modale.

(Qui dichiarazioni 2017 dal sito europarl.)

Tutte le dichiarazioni scritte 2015-2016

Gruppo dell'Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo